skip to Main Content

Terreno vicino aeroporto di Bologna “Cava Berleta”

Destinazione potenziale: commerciale, residenziale.
Destinazione attuale: agricolo.
Metri quadri: 114.543
Prezzo di vendita: 140.000€
Luogo: Bologna, Via Triumvirato
Proprietà: Seci S.p.A. 51%, Altri 49%
Consistenza: edificabilità con perequazione urbanistica

Ubicazione

Il complesso immobiliare è ubicato nel comune di Bologna (386.663 abitanti – parte della Città Metropolitana di Bologna che conta complessivamente 1.005.831 abitanti), in via Triumvirato nel quadrante nord-ovest rispetto al centro città, all’interno dell’area di espansione dell’aeroporto.

Descrizione

In data 15/07/08, venne infatti approvato un Accordo Territoriale per il polo funzionale dell’Aeroporto (Allegato “B”) che individua l’area della Cava Berleta quale dotazione territoriale e ambientale finalizzata al potenziamento della rete ecologica nonché alla realizzazione della parte del Parco Lungo Reno ad esse afferente e, come tale, destinato alla cessione alla amministrazione comunale. Di conseguenza, per l’ambito Ex Berleta, si applicherebbe il principio della perequazione urbanistica così come stabilito dal quadro normativo del PSC del Comune di Bologna.

Accordo Territoriale per il Polo funzionale aereoporto

Art. 5 –Attività Integrative e Complementari alle funzioni aeroportuali

  1. L’Accordo ammette lo sviluppo, all’interno dell’”Ambito delle attività aeroportuali” del Polo Funzionale, di “attività integrative” e “attività complementari” correlate alle funzioni aeroportuali, destinate ad incrementare in misura adeguata allo sviluppo dell’Aeroporto l’offerta di servizi connessi, volti a migliorarne la qualità complessiva.
  2. Si condivide che il termine “attività integrative” alle funzioni aeroportuali comprenda le attività di servizio e assistenza ai passeggeri e di supporto alla movimentazione delle merci, la cui collocazione all’interno dell’”ambito delle attività aeroportuali” contribuisce direttamente alla funzionalità dello scalo: catering, magazzini spedizionieri e altre attività simili a valenza economica per SAB.
  3. Si condivide che il termine “attività complementari” al Polo Funzionale comprenda le attività che svolgono funzioni sinergiche a quelle principali, che devono essere opportunamente collocate in prossimità dell’aerostazione, all’interno del Polo Funzionale. Le funzioni condivise sono: direzionali, congressuali, ricettive, commerciali di livello comunale.
  4. Capacità edificatoria. L’introduzione di nuove attività integrative e complementari all’interno del perimetro del Polo, di cui ai commi precedenti, non potranno eccedere la quantità massima complessiva di 30.000 mq di SU, in aggiunta sia alla superficie della aerostazione oggi esistente, trasformabile per attività integrative e complementari, che delle altre attività integrative e complementari oggi presenti.

Art. 8 – Funzioni insediabili in prossimità del Polo Funzionale

  1. Le attività integrative e complementari di cui al precedente articolo 5 e le funzioni insediabili in prossimità del Polo Funzionale potranno avere una quantità complessiva massima coerente con quanto stabilito dalla Valsat del PSC del Comune di Bologna relativamente all’ambito “Aeroporto”, pari a 96.000 mq di superficie utile lorda che corrisponde a 65.000 mq di superficie utile netta.
  2. Le aree indicate nell’allegato 2 con lettera A dovranno contribuire a fornire le adeguate dotazioni territoriali e ambientali finalizzate al potenziamento della rete ecologica nonchè alla realizzazione della parte del Parco Lungo Reno ad esse afferente; a tal fine verranno opportunamente cedute alla amministrazione comunale. Si applica sulle suddette aree il principio della perequazione urbanistica così come stabilito dal quadro normativo del PSC del Comune di Bologna. La quantità edificatoria sarà da realizzarsi nell’”ambito delle attività aeroportuali”, previo accordo con SAB, in qualità di gestore delle aree, in aggiunta alla quantità prevista al precedente art. 5 comma 4, per le stesse funzioni indicate al comma 3 dello stesso articolo e in coerenza con quanto definito al comma 1. L’attuazione sarà attivata previo inserimento nel POC.
  3. L’area compresa fra il Polo Funzionale e la tangenziale, indicata nell’allegato 2 con lettera B, potrà ospitare funzioni di logistica aeroportuale (in coerenza con le limitazioni stabilite all’art. 4 comma 5), parcheggi in relazione a specifiche e dimostrate esigenze dello sviluppo aeroportuale, e di attività ricreative di livello urbano. La quantità ivi prevista potrà essere al massimo di 25.000 mq di Su. L’attuazione sarà attivata previo inserimento nel POC.
  4. Le capacità edificatorie generate dalla perequazione urbanistica indicate al precedente comma 2 sono temporalmente condizionate alla realizzazione delle opere infrastrutturali di cui al precedente art.6 commi 2c) e 4. Le funzioni indicate al precedente comma 3 sono temporalmente condizionate alla realizzazione delle opere infrastrutturali di cui al precedente art.6 comma 3.
  5. Tutte le funzioni previste al presente articolo, congiuntamente a quelle ammesse all’interno del Polo per le medesime funzioni, finanziano, in misura proporzionale alla superficie complessivamente prevista, le opere infrastrutturali citate all’ art.6 commi 2c) e 4). Le funzioni indicate al precedente comma 3 finanziano insieme a SAB le opere infrastrutturali di cui al precedente art.6 comma 3.

Consistenza

Superfici Catastali (F. 12, Map. 31/38/41/450/453/456/462)

Planimetrie

Back To Top